in ,

Supplementi per le lesioni muscolari

Lesioni, il nemico per eccellenza di ogni essere umano, atleta e non, professionista o “dilettante”. Chi non ha avuto o ha subito un infortunio per aver praticato attività fisica o semplicemente per uno sforzo eccessivo nella propria giornata? In realtà tutti sono suscettibili alla sofferenza, non solo uno, ma diverse lesioni di maggiore o minore gravità nel corso della tua vita.

Se è vero, che l’ambiente in cui ci muoviamo oggi (stress, cattive abitudini posturali e nutrizionali, esercizio inadeguato su alterazioni funzionali, ecc.), Non contribuisce in modo positivo a mitigare in un certo modo le possibilità che soffriamo di meno infortuni, nello sport, a casa, al lavoro o nel tempo libero. E lasciatemi spiegare, senza andare troppo lontano.

Fondamentalmente, l’essere umano ha degradato la sua funzionalità naturale e biologica man mano che è diventato più sedentario, fino a raggiungere il punto in cui ha poco a che fare con come ci muoviamo attualmente e come la biologia imponeva al momento in cui dovevamo farlo. A causa di questo fatto, nel corpo si generano già cambiamenti chimici e strutturali che ci portano direttamente al percorso della lesione.

Ecco perché sempre di più cerchiamo un modo, fisico, psicologico o nutrizionale, per fornire al nostro corpo le modalità necessarie per proteggerci da questi nemici indesiderati.


Evoluzione

Perché un supplemento per gli infortuni?

Indubbiamente, la più alta percentuale di lesioni si verifica nelle articolazioni e nei tessuti circostanti come legamenti, cartilagini e tendini, poiché qualsiasi scompenso muscolare creerà a sua volta una compensazione disfunzionale che interesserà direttamente l’articolazione a cui si collega, e indirettamente ad altri più lontani.

Quando questo accade, a parte una precaria congruenza articolare, differenze di tensioni e pressioni che producono usura e infiammazioni nei tessuti, tutto questo dando origine ai famosi episodi di artrite o nei casi di artrosi più gravi e degenerativi, siamo molto di più rischia di subire un grave infortunio che ci tiene fuori dal gioco per qualche tempo, abbassando il ritmo dell’allenamento, dovendo anche fermarci.

Dal mio punto di vista e come titola l’articolo stesso, o almeno quello che intendo dargli, il concetto di ‘integratore’ o ‘complemento’, ha un significato meno farmacologico, cioè sono prodotti a base di estratti naturali, non sintetici e che sono ben lontani dal produrre gli effetti dannosi di farmaci, come l’ibuprofene (FANS), purtroppo leader indiscusso nel consumo oggi quando si tratta di curare qualsiasi infortunio e che a mio avviso porta molti più inconvenienti che vantaggi a breve e soprattutto a lungo termine.

Questo è il motivo per cui ricorrere a prodotti “biologicamente naturali”, che sono già generati e sintetizzati nel nostro corpo, sarà molto più vantaggioso e otterremo risultati più favorevoli nel nostro obiettivo di recuperare o evitare lesioni e per la nostra salute. in generale.

Dolore muscolare

Supplementi per le lesioni

Arrivando al dunque, nell’ambito dello sport e dell’integrazione naturale, possiamo trovare una moltitudine di prodotti destinati a questo scopo, entrambi combinati in uno, in cui ti fornisce a livello generale e in una o più dosi, la dose dei componenti necessari in quantità variabili e in base al produttore o all’obiettivo, oppure ogni componente separatamente per utilizzare quello più adatto a noi o aumentare la dose di uno in particolare a seconda delle nostre esigenze.

In generale, e in combinazione o meno, i componenti stellari più famosi e utilizzati nel campo della salute delle articolazioni per evitare, mitigare o quando sono già presenti, gli infortuni ei loro effetti negativi su di noi sono:

MSM (metilsulfonilmetano)

Questa forma molecolare di zolfo è una delle più biodisponibili (85%) di quelle che possiamo trovare sul mercato, quindi è la più efficace. Lo zolfo fa parte dei minerali essenziali per l’organismo e le sue carenze sono associate ai processi di invecchiamento della pelle e al deterioramento dei tessuti. Quando il corpo ha quantità ottimali di MSM, favorisce la flessibilità dei tessuti connettivi e della pelle, contribuendo alla buona guarigione. L’MSM ha anche proprietà antinfiammatorie. Le persone con artrite di solito mostrano sentimenti molto buoni quando assumono MSM, specialmente nelle donne. Gli studi indicano ottimi risultati in dolori articolari, artrosi, artrite, sindrome del tunnel carpale, epicondilite, tendinite e persino mal di testa. L’effetto benefico del MSM e la sua capacità di sostenere il flusso cellulare, consentendo a sostanze nocive come l’acido lattico di fuoriuscire mentre i nutrienti entrano, lo rendono un prodotto formidabile.

Solfato di Glucosammina e Solfato di Condroitinina

Questi composti sono la base chimica del tessuto cartilagineo che si trova in tutto il corpo in modi diversi e, a seconda della sua specialità, possiamo trovarli nella cartilagine di tutte le articolazioni, nei dischi intervertebrali, nei tendini, nei legamenti e nelle capsule articolari, nei menischi. e anche nella fascia stessa che copre ogni microfibra muscolare, visceri e periostio delle ossa. I condrociti sono cellule che producono collagene e proteoglicani, questi ultimi a loro volta formati da queste due sostanze, tra le altre.

È per tutto questo, che utilizzare l’integrazione con questa composizione, non solo ci proteggerà da possibili lesioni, ma ci aiuterà nella rigenerazione di quei tessuti che hanno sofferto ferendoci. La ricerca ha confermato i benefici di queste sostanze nel trattamento di un processo di lesione e nella riduzione del suo tempo. Senza dubbio collaboreranno anche, e ogni qualvolta si lavorerà successivamente, per migliorare la funzione propriocettiva dell’articolazione, ridonandole una qualità di movimento ottimale.

Collagene

Come accennato in precedenza, i condrociti producono anche collagene, che si trova nella maggior parte dei tessuti, inclusi pelle, capelli e unghie, e fornisce loro flessibilità, elasticità e caratteristiche strutturali. Sono proteine forti e fibrose. L’insufficienza di questo componente può portare a rigidità, dolori articolari e processi infiammatori di artrite e tendinite, tra gli altri.

Nella supplementazione, possiamo trovare il collagene principalmente in due modi:

  1. Marino: precedente del pesce, essendo idrolizzato per ottenere il peso molecolare ottimale e le migliori proprietà.
  2. Terrestre: da bovini, suini o persino aviari, ad esempio, dallo sterno del pollo, ottenendo polvere di collagene.

Consumando il collagene, idrolizzato o meno, il nostro corpo lo scompone nei suoi amminoacidi più semplici, che saranno digeriti e passati nel flusso sanguigno per essere utilizzati dalle cellule quando il corpo ne ha bisogno. Come fonte naturale di questo elemento possiamo ricorrere alla gelatina. Data la sua importanza nell’organismo, è un altro magnifico alleato da consumare come integratore.

Acido Ialuronico

È un’altra delle sostanze naturalmente presenti nel corpo umano. Essendo parte dei glicosaminoglicani, è direttamente correlata alla glucosammina e alla condroitin solfato e svolge un ruolo fondamentale nel processo omeostatico articolare, cioè interviene nei processi di autoregolazione e mantenimento della composizione e delle proprietà interne delle articolazioni e dei tessuti, soprattutto con il liquido sinoviale, che lubrifica e nutre la cartilagine.

Va notato che è una sostanza che aiuta a trattenere l’acqua, idratando così i tessuti, una caratteristica molto importante, soprattutto sulla pelle.

Sono molteplici gli studi che dimostrano l’efficacia dell’acido ialuronico per il trattamento del dolore e dell’infiammazione al ginocchio, anche se è anche vero che solitamente vengono effettuati tramite infiltrazioni direttamente nell’articolazione, ma è una metodica a cui forse non tutti possono accedere facilmente. Tuttavia, si notano miglioramenti anche consumandolo per via orale.

È quindi un’altra opzione praticabile quando si tratta di infortuni.

Magnesio

Il magnesio nella sua forma salina è un minerale estremamente importante per tutte le cellule viventi. È stato osservato che ha una relazione molto diretta nella formazione del collagene, potremmo dire che funziona in un certo modo come precursore. Le carenze di magnesio sono strettamente associate all’artrite e all’osteoporosi, una patologia che degrada il sistema osseo.

D’altra parte ha anche una stretta relazione con lo stress, che può generare carenza di magnesio e, viceversa, questo deficit contribuisce ad adottare un’ipersensibilità allo stress.

Nelle donne è molto importante soprattutto in periodi di cambiamenti ormonali come le mestruazioni e la gravidanza. Esistono anche studi che dimostrano l’efficacia del Magnesio e i suoi benefici in base alla biodisponibilità.

Nello sport è strettamente legato alla comparsa di crampi muscolari e spasmi durante o dopo l’esercizio, poiché è presente nelle cellule del tessuto nervoso; e sappiamo già quanto siano fastidiosi e dolorosi, e ancor di più quando compaiono costantemente.

Inutile dire che ci sono ragioni sufficienti per includerlo nella dieta quotidiana

Non voglio nemmeno trascurare l’azione negativa che un ambiente acido in cui si trova il nostro corpo può produrre nei nostri tessuti muscolari, connettivi e persino neuronali, distruggendoli letteralmente. Ci sono vari motivi per cui possiamo generare un ambiente acido nel nostro corpo, ma dal mio punto di vista, il più importante è lo stress, dovuto a sforzi fisici o psicologici.

Gli effetti dello stress quotidiano prolungato causano problemi reali a causa del significativo aumento dei livelli di cortisolo, acidificando il sangue e altri fluidi extracellulari.

 

Supplementi articolazioni

Ulteriori supplementi

È chiaro che dobbiamo contribuire a invertire o bilanciare i livelli di cortisolo, e per questo possiamo anche rivolgerci agli integratori, come:

Complessi di Sali Minerali

Queste formule sono ad alto contenuto di calcio, magnesio, cromo e zinco e vitamine del gruppo B, svolgono un ruolo essenziale nelle reazioni allo stress e aiutano a mitigarne gli effetti come l’affaticamento fisico.

Antiossidanti

Aiutano ad eliminare i radicali liberi dannosi, molecole instabili e altamente reattive che hanno il compito di ossidare altre benefiche, rendendole instabili e provocando così una reazione a catena che indubbiamente provocherà più danni cellulari. Tra i migliori antiossidanti troviamo Acido Alfa Lipoico, Resveratrolo, Vitamina C, Clorella, Astaxantina e CoQ-10.

Adattogeni

Possiamo trovare: Ginseng, Astragalus, Rhodiola e Ashwagandha aiutano l’organismo ad affrontare gli effetti collaterali dello stress e a riequilibrare il metabolismo. Questi integratori non solo mantengono i livelli di cortisolo più bassi, ma aiutano anche a ridurre gli effetti dello stress beato sul corpo stimolando il sistema immunitario.

Melatonina

Sebbene sia sintetizzato in laboratorio, è un ormone che si trova naturalmente nel corpo. La caratteristica principale di questo ormone è quella di regolare il ritmo biologico e il ciclo sonno/veglia del corpo. È stato dimostrato che il consumo occasionale di melatonina combatte gli effetti a lungo termine del cortisolo, della regolazione ormonale e aiuta a dormire e riposare meglio.

Conclusioni

In conclusione, non solo può essere possibile, ma vanno ricercate tutte quelle alternative che ci facilitano in un modo o nell’altro il miglioramento della nostra salute e il recupero di quegli infortuni che intossicano la nostra qualità di vita. E uno di questi è chiaramente la via dell’integrazione.

Antinfiammatori naturali – 100%

Allevia il Dolore Cronico – 100%

Riduce l’usura della cartilagine – 100%

Senza effetti collaterali – 100%

Content Protection by DMCA.com

Worldfilia
Servizi seo roma

What do you think?

212.2k Points
Upvote Downvote

Written by admin

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Supplementi per le articolazioni

Cos’è la dieta a Digiuno Intermittente? Tutto quello che devi sapere