martedì, Gennaio 18, 2022
HomeglobalPerché l'istruzione sta per raggiungere una crisi di proporzioni epiche

Perché l'istruzione sta per raggiungere una crisi di proporzioni epiche

Quasi la metà degli insegnanti sta pensando di lasciare il lavoro. Da dove viene l’America?

La carenza di insegnanti in America sta bruciando tutti

getty

Siamo a un punto di svolta nell’istruzione. Secondo un recente sondaggio, il 48% degli insegnanti ha ammesso di aver preso in considerazione l’idea di smettere entro gli ultimi 30 giorni. Di quel numero, il 34% ha dichiarato di pensare di lasciare del tutto la professione.

La carenza di personale ha afflitto le scuole per anni, ma ora sta raggiungendo proporzioni epiche. In una conferenza il mese scorso, mi sono seduto attorno al tavolo con quattro sovrintendenti provenienti da varie parti del paese e ho chiesto loro: “Quale percentuale di insegnanti che abbandonano creerebbe un calo catastrofico nella capacità della tua organizzazione di educare i giovani?” Le risposte sono state tutte incredibilmente basse, con un sovrintendente che ha risposto: “Uno. Un insegnante che se ne andasse ci danneggerebbe gravemente.”

Sia gli insegnanti che gli amministratori sono stressati, oberati di lavoro e alla fine della loro corda. Dopo le tremende pressioni degli ultimi due anni, non hanno più niente da dare. Stanno già dando tutto: tempo, energia, benessere mentale e cuore. Sono più che stanchi. Sono esausti. Le condizioni nel campo dell’istruzione sono sempre state tendenzialmente impegnative, ma oggi sono una ricetta per il burnout, che gli insegnanti sperimentano quasi il doppio come altri dipendenti pubblici.

Allo stesso tempo, gli insegnanti sono molto difficili da sostituire. La specializzazione ei requisiti inerenti al campo della formazione rendono estremamente difficile espandere il pool di talenti, come spesso altri campi sono in grado di fare.

Non è sostenibile. E come nazione, lo stiamo per sentire.

Il circolo vizioso

Per raggiungere e insegnare efficacemente agli studenti, gli insegnanti devono creare un legame umano con loro. Le giovani generazioni di oggi semplicemente non andranno avanti nel loro percorso di istruzione e carriera senza quella connessione. Questo è un non negoziabile; è solo chi sono.

La stragrande maggioranza degli insegnanti vuole davvero creare una connessione significativa con gli studenti. In effetti, per molti è stata la forza trainante della decisione di intraprendere la professione. Ma, a corto di personale e oberati di lavoro, molti semplicemente non hanno tempo per mostrare agli studenti che vedono, ascoltano e si prendono cura di loro. La modalità Sopravvivenza, in cui molti insegnanti hanno vissuto negli ultimi due anni, non lascia molto spazio alla costruzione di relazioni.

Questo crea un circolo vizioso. Gli studenti non stanno performando, quindi vengono posti più oneri sugli insegnanti per aiutare gli studenti a raggiungere il segno, riducendo così il tempo e la larghezza di banda degli insegnanti per creare una connessione umana con gli studenti che è la base per tutto l’apprendimento. Le gambe degli insegnanti sono tagliate da sotto di loro, ma ci si aspetta comunque che portino i loro studenti al traguardo. È un ingorgo.

La ricaduta

Qual è la ricaduta di tutto? questo burnout e la mancanza di connessione? Vedremo cali significativi in ​​tre aree vitali:

Un calo dei giovani che entrano nella professione . Insegnanti e studenti trascorrono ore ogni giorno insieme e, sfortunatamente, lo stress non è facile da nascondere. Anche gli insegnanti che in realtà non menzionano il loro stress alla classe lo manifestano in mille piccoli modi che i giovani possono osservare.

I livelli elevati e prolungati di stress degli insegnanti stanno avvertendo la prossima generazione di non diventare insegnanti. Chi vuole quel tipo di vita, per quel tipo di denaro? Ovviamente, meno persone che accedono all’istruzione aggraveranno solo l’insegnante e sostituiranno la carenza a lungo termine.

Il divario di competenze colpirà duramente il campo dell’istruzione. Non ci saranno abbastanza insegnanti per andare in giro.

Un calo della qualità dell’istruzione. Mentre gli attuali educatori abbandonano la professione e la generazione successiva evita di entrarvi, potremmo vedere le dimensioni delle classi salire alle stelle, mettendo ulteriormente a dura prova gli insegnanti che rimangono. Senza un sano rapporto studenti-insegnanti, la qualità dell’istruzione, il tempo individuale trascorso con ogni studente e qualsiasi traccia di una connessione umana inevitabilmente diminuiranno.

Anche la qualità dell’istruzione diminuirà se gli Stati, alla disperata ricerca di personale nelle proprie scuole, abbasseranno l’asticella dei requisiti per gli insegnanti. Una tale mossa potrebbe potenzialmente portare in classe “docenti” o sostituti che non hanno la formazione e le competenze necessarie per insegnare in modo efficace. Un’esperienza educativa di qualità inferiore non danneggerà solo gli studenti, ma presto la forza lavoro e l’economia in modo significativo.

Un calo dei tassi di laurea

. Quanto tempo prima che gli studenti, non impegnati a scuola e senza alcun legame umano, si rendano conto che ci sono modi in cui possono avere successo senza quel diploma? La gig economy ha un posto per loro. C’è sempre bitcoin. E nessuno metterà in dubbio il loro stato di laurea se iniziano un’attività in proprio.

Le competenze, più che i diplomi e le lauree, vengono in primo piano nel processo di assunzione. In mezzo alla nostra carenza record di talenti, i datori di lavoro sono frenetici per i lavoratori e stanno cercando di allettarli con ogni mezzo: salari più alti, bonus di iscrizione, accordi di lavoro flessibili e altro ancora. Quanto tempo prima che rilassino i requisiti per assumere lavoratori con la capacità di svolgere il lavoro, anche se non hanno un diploma di scuola superiore?

Questa generazione altamente imprenditoriale è abbastanza esperta da rendersi conto possono iniziare a guadagnarsi da vivere ora e preoccuparsi di ottenere il loro GED in seguito. Se non sentono quella connessione umana a scuola, stanno controllando, e non solo mentalmente. Non rimarranno su una nave che affonda.

Cosa fare adesso

Non esiste una bacchetta magica per risolvere questa crisi. Ci sono, tuttavia, diverse cose che possiamo iniziare a fare in questo momento per mitigare il peggio.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments