giovedì, Gennaio 20, 2022
HomesportsMinaccia di divieto di dieci anni per odio e razzismo online legati...

Minaccia di divieto di dieci anni per odio e razzismo online legati al calcio

Il razzismo online e gli abusi legati al calcio potrebbero vedere i trasgressori vietati di partecipare alle partite in Inghilterra e Galles per un massimo di 10 anni. Il ministro degli Interni Priti Patel sta presentando una legislazione in modo che gli ordini di divieto di calcio, che attualmente possono essere imposti alle persone condannate per violenza, disordini e cori razzisti o omofobi, saranno estesi per coprire i reati di odio online. La mossa arriva dopo che alcuni dei giocatori neri inglesi sono stati oggetto di abusi razzisti a seguito della finale di Euro 2020 durante l’estate, con il Primo Ministro che si è impegnato a intraprendere un’azione decisa contro gli abusatori online. La nuova legge dovrebbe assumere la forma di un emendamento alla legge su polizia, criminalità, condanna e tribunali e sarà presentata all’inizio del nuovo anno. “Questa estate abbiamo visto il bellissimo gioco rovinato dal vergognoso razzismo dei troll online, che si sono nascosti dietro le loro tastiere e hanno abusato dei nostri calciatori”, ha affermato il ministro dell’Interno. “Il razzismo è inaccettabile e per troppo tempo il calcio è stato guastato da questo vergognoso pregiudizio. Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video più accessibile Il presidente di Kick It Out Sanjay Bhandari ha dichiarato a Sky Sports News all’inizio di questa settimana che è importante che vengano comminate sanzioni severe ai colpevoli di crimini d’odio “I responsabili di spaventosi abusi razzisti online devono essere puniti. Le modifiche alla legge che sto annunciando garantiranno loro il divieto di partecipare alle partite di calcio”. Attualmente sono in vigore 1.300 ordini di divieto di calcio in Inghilterra e Galles, che vietano alle persone di andare a partite di calcio regolamentate per un periodo compreso tra tre e 10 anni. lotta al razzismoCome il CPS affronta il razzismo nel calcioSono emessi a seguito di una condanna per un reato legato al calcio o a seguito di una denuncia da parte di una forza di polizia locale, della British Transport Police o del Crown Prosecution Service.Queste agenzie possono presentare una domanda al tribunale per emettere un ordine nei confronti di una persona che in qualsiasi momento ha causato o contribuito a violenza o disordini legati al calcio, nel Regno Unito o altrove. La violazione di un ordine di divieto di calcio è un reato ed è punibile con una pena massima di sei mesi in carcere, una multa illimitata o entrambe. Inoltre, potrebbe essere imposto un ulteriore ordine. Utilizzare il browser Chrome per un lettore video più accessibile E Il capitano dell’x-Leicester Wes Morgan discute del razzismo e del problema dell’abuso sui social media Il segretario alla Cultura, Nadine Dorries, ha dichiarato: “Gli abusi razzisti che inondano i feed dei social media dei calciatori a tutte le ore del giorno hanno un profondo impatto su tutti coloro che sono coinvolti nel gioco e ha finire. “Stiamo affrontando questo comportamento ripugnante in tutte le forme. Oltre a bandire i razzisti dai giochi, stiamo introducendo nuove leggi rivoluzionarie per eliminare gli abusi online e assicurarci che le aziende tecnologiche affrontino l’odio sui loro siti”. Il ministro degli sport ombra Lord Bassam ha dichiarato: “Sono molto felice che il governo stia finalmente intervenendo contro questo tipo di disgustoso abuso online. Ma non è prima del tempo che abbiamo proposto di aggiungerlo al disegno di legge sulla polizia più di un mese fa. “Il divieto il regime degli ordini dovrebbe essere esteso anche ad altri sport.” L’odio non vinceràSky Sports si impegna a rendere skysports.com e i nostri canali sulle piattaforme dei social media un luogo di commenti e dibattiti privo di abusi, odio e volgarità. Per ulteriori informazioni , visita: www.skysports.com/againstonlinehate Se vedi una risposta ai post e/o contenuti di Sky Sports con un’espressione di odio in base a razza, sesso, colore, sesso, nazionalità, etnia, disabilità, religione, sessualità , età o classe, per favore copia l’URL del post odioso e catturalo e inviaci un’e-mail qui. settori onali e comunitari per sfidare la discriminazione, incoraggiare pratiche inclusive e fare campagna per un cambiamento positivo.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments