martedì, Gennaio 18, 2022
HomeSport dal mondoLa caccia ai playoff della NFL vede regnare la parità grazie a...

La caccia ai playoff della NFL vede regnare la parità grazie a giovani QB, difese e infortuni più intelligenti

Saranno 16 le partite della National Football League giocate nel weekend festivo, anche se i recenti avvenimenti ci hanno fatto capire che non possiamo dire con certezza quando si concluderà questo “weekend”. Ci sarà un’aspirante squadra di playoff coinvolta in quasi ognuno di loro, un gruppo di uomini che competono seriamente per raggiungere la postseason o per arrivarci nel più grande stile possibile. La stagione NFL 2021 è diventata la stagione dei sogni di Roger Goodell. La lega che ha introdotto la “parità” nel lessico sportivo sta raggiungendo l’apoteosi di quello standard. Con tre partite rimaste nella stagione regolare, solo due squadre sono state eliminate matematicamente dalla contesa dei playoff nella NFC e solo cinque non hanno un tiro realistico. È ancora più acceso nell’AFC, che ha tre squadre eliminate ma le altre 13 squadre sono in una posizione seria per competere per uno dei sette posti nel “torneo”, come lo chiama l’allenatore degli Steelers Mike Tomlin. ALTRO: Aggiornamento del draft 2022 La divisione in cui risiedono gli Steelers, l’AFC North, presenta quattro squadre (inclusi Bengals, Ravens e Browns) separate in classifica da una singola partita. Solo due partite separano i Patriots al primo posto nell’AFC East dai Dolphins al terzo posto. Dopo 14 partite, solo cinque squadre del campionato hanno raggiunto vittorie a doppia cifra. Negli anni ’70, quando questa era l’intera durata del programma della stagione regolare, c’erano in media sette squadre di questo tipo. Solo i Packers hanno una percentuale di vittorie migliore di 0,720 in questa stagione. Nel 2020, sei squadre hanno terminato a .750 o meglio. Solo una dozzina di squadre ha differenze di punteggio negative con tre partite rimanenti, rispetto alle 17 che si sono concluse lì nel 2020. Nella settimana 16, con la competizione prevista per giovedì, sabato, domenica e lunedì, solo due partite potrebbero essere considerate sostanzialmente prive di significato, o impattanti solo 2022 NFL Draft order: Jaguars (2-12) ai Jets (3-11) e Bears (4-10) ai Seahawks (5-8). Se vogliamo essere tutti matematici al riguardo, solo il gioco Jets-Jags è irrilevante. Tutte le altre coinvolgeranno almeno una squadra in lotta per la qualificazione o per ottenere il miglior seme possibile. La NFL aveva lavorato per anni verso quella stagione magica in cui ogni squadra avrebbe finito 8-8, poi ha assicurato che non sarebbe mai successo estendendo la stagione regolare a 17 partite quest’anno. Ma cosa spiega la maggiore competitività dell’attuale NFL? ALTRO: L’immagine dei playoff rimane confusa in AFC Ci sono alcuni motivi che si distinguono dagli altri: 1. I quarterback sono migliori (Getty Images) https://images.daznservices.com/di/library/sporting_news/3e/c6/russell- wilson-061021-getty-ftr_49p3cd6ze49s11psg9rc1jizb.jpg?t=346477525&w=500&quality=80 Nella stagione 2005, questi erano i quarterback che componevano il campo dei playoff NFC: Eli Manning, Jake Delhomme, Rex Grossman, Mark Brunell, Chris Simms e Matt Hasselbeck. Nella AFC avevi David Garrard e Jake Plummer. Di questi, solo Manning ha avuto una carriera che includeva più di 10 stagioni complete come titolare della NFL e diverse apparizioni al Pro Bowl. I QB dell’AFC quell’anno erano più forti, inclusi Tom Brady, Peyton Manning e Ben Roethlisberger. Questi giocatori, insieme ad Aaron Rodgers, Drew Brees e Philip Rivers, hanno dominato la concorrenza essenzialmente per un decennio, con pochi che li sfidavano. L’emergere di Russell Wilson con i Seahawks nel 2012, tuttavia, ha cambiato tutto. Non si adattava allo stampo del quarterback stella della NFL perché è alto solo 5 piedi-11 ed è così abile nel correre per danneggiare le difese, qualità che hanno aperto la NFL a molti dei quarterback che sono entrati nella lega e si sono distinti nelle ultime stagioni. “Penso che stiamo assistendo a una transizione dal vecchio al giovane per quanto riguarda il gioco del quarterback”, ha detto a Sporting News Ramon Foster, ex guardia degli Steelers e co-conduttore dello spettacolo Martin & Ramon su 104.5 The Zone di Nashville. “Proprio nell’AFC North in particolare, ci sono tre nuovi, giovani quarterback che sono entusiasmanti e davvero bravi, e Ben che è stato storicamente bravo. “Bene, giovani quarterback, penso che sia la cosa più importante. E non solo, i reati che stanno correndo: stai mettendo i ragazzi in posizione per avere successo perché stai preparando reati che non sono necessariamente un “reato NFL”, dove semplicemente si ritirano. Ora hai reati in cui spostano la tasca, trovano gli atleti e fanno giochi. I giovani quarterback stanno migliorando, più velocemente, perché i reati si rivolgono a loro, e i quarterback più anziani come Aaron Rodgers, Ben e Tom Brady sono bravi perché hanno l’esperienza. ALTRO: I Packers salgono al n. 1 nelle classifiche di potenza della NFL La celebrità di Wilson ha contribuito a rendere i Browns a proprio agio facendo 6-1 Baker Mayfield la scelta n. 1 assoluta nel 2018, ed è stato lo stesso con i Cardinals e 5-10 Kyler Murray a Anno dopo. Ci sono quarterback 6-2 o meno che guidano contendenti come i Ravens (Lamar Jackson), i Cowboys (Dak Prescott) e i Dolphins (Tua Tagavailoa). Anche i quarterback di dimensioni standard scelti negli ultimi anni hanno ottenuto un rapido successo, incluso Patrick Mahomes dei Chiefs , Justin Herbert dei Chargers, Josh Allen dei Bills e Joe Burrow dei Bengals. “Quel primo decennio degli anni 2000, c’era molta preoccupazione intorno al calcio – la mia carriera nella NFL era 2001-05 – che forse la posizione di quarterback del college non stava passando bene alla NFL”, ha detto Anthony Herron, che analizza il calcio per SiriusXM , la rete Big Ten e NBC Sports. “La gente si stava ponendo la domanda: ‘Cosa accadrà quando Manning, Brady e Brees si ritireranno? Non rimarranno grandi quarterback». “E quello che abbiamo visto, che ha tutto il senso del mondo, i reati NFL – e molte volte è stato ‘Prendiamo un allenatore del college e portiamo alcuni dei principi collegiali alla lega’ – assomigliano schematicamente a quello che vediamo nel football universitario. C’è ancora una transizione. C’è ancora un adeguamento alle dimensioni e alla velocità del gioco, lo studio cinematografico che gli avversari mettono e ti costringono verso ciò che ti fa meno comodo. “Ma oltre a questo, avere alcuni di questi giovani quarterback che sono in grado di operare nella loro zona di comfort, essere in shotgun – in alcuni casi, quasi esclusivamente, come un Kyler Murray – e avere alcuni di questi principi di opzione di lettura e principi di lettura di zona , e concetti di opzione run/pass che stavano eseguendo al college ed essendo in grado di prendere decisioni in un modo, post-snap, con cui si sentono a proprio agio e lo fanno da anni. 2. La difesa ha una possibilitàIl 19 novembre 2018, in una partita di Monday Night Football chiamata “Scoreapalooza” dal New York Times, i Rams hanno sconfitto i Chiefs, 54-51, una partita che includeva 10 passaggi da touchdown e 1.001 yarde di attacco. È stata la prima partita nella storia della NFL in cui entrambe le squadre hanno superato i 50 punti regolamentari. L’analista di ESPN Booger McFarland lo ha definito un esempio della “nuova NFL”. Bene, nel 2021, l’attuale NFL assomiglia di più a quella vecchia. In quella stagione 2018, i Chiefs erano in vantaggio con 35,3 punti a partita, e c’erano tre squadre in totale che hanno segnato più di 30 e otto con una media di 27 o più. Nel 2021, nessuna squadra ha una media di 30 punti. I Buccaneers, che guidano il campionato con 29,3 punti, sono stati esclusi domenica. Ci sono sette squadre che producono 27 punti o più. Nel 2018, la settimana media della NFL ha caratterizzato poco più di 21 passaggi o run “esplosivi” di oltre 40 yard a settimana. Ora, sono scese a 19 di queste commedie. Molte delle regole sono a sfavore della difesa, compresi gli standard per l’interferenza sui passaggi e il roughing del quarterback. E, come accennato, i team devono far fronte a QB più capaci che mai. Eppure i coordinatori difensivi della NFL hanno trovato un modo per rimanere almeno in gioco con la magia offensiva di Mahomes, Brady, Rodgers e Wilson. “Penso che i coordinatori difensivi stiano facendo un lavoro più efficace”, ha detto Herron a SN. “Per un po’, praticamente tutte le difese, tutte le secondarie, hanno iniziato a giocare prevalentemente in copertura maschile, molto più di quanto la gente pensi. Quando hai gli angoli che possono farlo e farla franca, è fantastico. Ma quando non hai una secondaria che regge attraverso quella lente, puoi complicarti la vita. “Abbiamo visto allenatori difensivi negli ultimi due anni adattare e fondere le loro strategie difensive molto più di quanto non fosse stato per un po’. Quando avevi questi QB veterani in giro per la lega che potevano semplicemente ritagliarsi la copertura della zona più e più volte – come Brady e Manning e Brees e Roethlisberger – molte difese hanno iniziato a giocare a uomo solo per sentire come se dovessi avere un DB vicino a un ricevitore. Quello che è finito per succedere, sono bastati uno o due placcaggi sbagliati e un passaggio corto diventa un passaggio lungo diventa un touchdown. “Ora abbiamo visto, nelle ultime due stagioni, sembra che gli allenatori difensivi si sentano più a loro agio nel tornare a più concetti di zona, e questo ti mette in una posizione migliore per fare contrasti, per costringere l’avversario a guidare il campo lungo . Quindi non stiamo assistendo a così tanti passaggi esplosivi come una volta”. 3. Le stelle sono uscite La scorsa settimana, le squadre della NFL hanno perso le superstar DeAndre Hopkins e Chris Godwin per infortuni di fine stagione, unendosi a personaggi del calibro di Christian McCaffery, Khalil Mack, Ronnie Stanley e JJ Watt. Niente può pareggiare il talento in una partita della NFL più rapidamente della perdita dei giocatori più dotati per infortunio. I Ravens hanno perso il running back JK Dobbins, il cornerback Marlon Humphrey e Stanley, tra gli altri. Gli Steelers stanno facendo a meno dei guardalinee difensivi Stephon Tuitt e Tyson Alulu e del wide receiver JuJu Smith-Schuster. Ai Bills manca il fantastico cornerback Tre’Davious White. Tutti quei giocatori non dovrebbero tornare in questa stagione. I Titans non hanno avuto indietro la superstar Derrick Henry per sei partite, che al suo ritmo è di 703 yard corse. Spera di tornare in campo prima dei playoff. Le regole della NFL sembrano averlo reso più sicuro per i quarterback. Ci sono state meno assenze in quella posizione, ed è stato quasi altrettanto probabile che il motivo per essere un test COVID positivo (Roethlisberger, Mayfield) sia un infortunio da contatto. Quello che la lega non può fare è rendere i giocatori più lenti o meno potenti. Sebbene l’uso dell’elmo per infliggere punizioni sia stato drasticamente ridotto, ci sono ancora molti colpi duri da parte di difensori più veloci e più grandi. “La squadra più sana di solito sarà la squadra che vince il Super Bowl”, ha detto Foster. Ha iniziato come guardia destra per gli Steelers nel Super Bowl 2010 contro i Packers, che gli Steelers hanno giocato senza il centro del Pro Bowl Maurkice Pouncey e hanno perso, 31-25. “Gran parte della nostra pressione in quella partita era al centro; questo non significa mancare di rispetto a Doug Legursky o cose del genere. “Ma è una delle cose che devi dire: per quanto sani possiamo essere, dobbiamo esserlo. Quindi, quando gli allenatori terminano l’allenamento, o dicono: “Ehi, oggi facciamo solo ‘conchiglie'”, è così che possono ottenere il miglior prodotto sul campo”.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments