Insalata in busta: tutto quello che c’è da sapere e perché non è amica dell’ambiente blog

insalata in busta tutto quello AdobeStock 134536600

Insalata in busta: tutto quello che c’è da sapere e perché non è amica dell’ambiente

Che siano pratiche e comode, non c’è dubbio, ma sono anche rispettose dell’ambiente? Stiamo parlando delle insalate in busta, quelle che troviamo al supermercato.

insalata in busta tutto quello AdobeStock 134536600

 

Va detto che la produzione e la commercializzazione delle insalate in busta sono regolate dal 2015 e che tra le norme c’è l’obbligo di garantire la catena del freddo a una temperatura uniforme e costante inferiore agli 8 gradi.

Come si sa, le insalate in busta sono vendute nei banchi refrigerati e dopo l’acquisto devono essere conservate in frigo. Bisogna consumarle il prima possibile, in ogni caso rispettando la data di scadenza (di solito è stabilita in una settimana): per evitare l’alterazione di sapore e consistenza e la eventuale proliferazione di batteri.

Per le donne incinte è essenziale il lavaggio delle insalate in busta, per evitare il rischio della toxoplasmosi.

Cosa bisogna guardare quando si compra una busta di insalata

Quando si sceglie una busta di insalata al supermercato, bisogna tenere presenti almeno tre fattori: che la confezione sia sigillata e integra; la data di scadenza, ovviamente; che l’insalata va consumata nel giro di poco tempo, possibilmente in giornata.

Come conservarla

È meglio riporre la busta nei settori centrali del frigo, dove la temperatura è tra i 2 e i 4 gradi.

Prima di consumarla

Prima di consumare l’insalata in busta, controlla che le foglie non presentino delle alterazioni di colore, odore o consistenza; in ogni caso, prima di metterla nel piatto andrebbe sempre risciacquata.

Le insalate in busta sono amiche dell’ambiente?

Non proprio. Messo tra parentesi che di solito costano più di quella fresca, in genere le insalate in busta sono contenute in sacchetti di plastica non biodegradabile e questo pone ovviamente un problema di rispetto dell’ambiente;

c’è poi da considerare che lavare l’insalata in busta, seppure raccomandabile, è anche uno spreco di acqua, perché di solito è stata già lavata dalla ditta produttrice.

Infine c’è da considerare che il processo di produzione e confezionamento necessita di molta energia.

Seguici su google news!

Potrebbe interessarti anche…


√ Dimagrire In Fretta: Ecco Come Perdere Peso Velocemente

Leave your vote

212.2k Points
Upvote Downvote
Looks like you have blocked notifications!
More

Comments

0 comments

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.

error: Il contenuto è protetto !!

Our website uses cookies and thereby collects information about your visit to improve our website (by analyzing), show you Social Media content and relevant advertisements. Please see our page for furher details or agree by clicking the 'Accept' button.

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.