lunedì, Gennaio 17, 2022
HomeMAMMA E BAMBINOFormazione di capezzoli per l'allattamento. I consigli dei migliori esperti

Formazione di capezzoli per l’allattamento. I consigli dei migliori esperti

Poiché l’allattamento al seno è un processo molto naturale, la maggior parte delle volte non sono necessarie manovre speciali per aiutare a formare i capezzoli per l’allattamento. Ma ci sono anche casi speciali. Quello che le madri devono sapere prima della nascita e cosa fare dopo la comparsa del bambino, l’ho scoperto dai libri inclusi nel pacchetto “All’inizio della strada” nel Negozio Tutto sulle madri.

Se aspetti un bambino, è possibile che tu abbia ricevuto consigli da madri che hanno partorito molti anni fa che devi eseguire determinate manovre per aiutarti a formare i capezzoli per l’allattamento.

Se hai bisogno di ascoltare i loro consigli, scopri in questo articolo dove abbiamo selezionato le raccomandazioni dei migliori specialisti in allattamento e pediatria: Dr. William Sears “Baby’s Book” e Dr. Jack Newman “Breastfeeding Guide”, entrambi i lavori sono disponibili ad un ottimo prezzo nel pacchetto “All’inizio della strada”.

Formazione di capezzoli per l’allattamento al seno prima della nascita

Proprio come la preparazione alla nascita di un bambino aumenta le possibilità di un’esperienza di nascita di successo, la preparazione per l’allattamento al seno aiuta le madri a nutrire il loro bambino. Ma quando diciamo “allenamento” non ci riferiamo necessariamente alla formazione dei capezzoli, ma a una buona informazione, perché gli ormoni della gravidanza fanno tutto il lavoro da soli, senza interventi esterni.

Anni fa, alle donne veniva consigliato di allenare i capezzoli per prepararsi all’allattamento al seno (dal toccare i capezzoli al serrarli fino a metodi più duri, come strofinare i capezzoli con un asciugamano ruvido).

Per fortuna oggi sappiamo che preparare i capezzoli prima del parto non è né necessario né utile. Inoltre, può indurre nelle madri ansie inutili legate alla forma naturale dei loro capezzoli e alla loro idoneità all’allattamento al seno.

“Libro per bambini” del dottor William Sears

Ma quello che devi fare è evitare di lavare l’areola con il sapone. Durante la gravidanza, questa zona diventa più lubrificata (dobbiamo anche ringraziare gli ormoni), e il sapone rimuove gli oli naturali, quindi la pelle rimane secca e in seguito più soggetta a ferite o addirittura infezioni.

Presentazione del seno dopo il parto

Il più delle volte, dopo un parto naturale non medico, il bambino posto pelle a pelle sulla madre si attaccherà al seno senza la necessità di formare in alcun modo i capezzoli per l’allattamento. I bambini non hanno bisogno di una guida speciale. Ma se ciò non accade, può essere aiutato tenendo il seno con la mano in “C” o “V”.

Modi per sostenere il seno durante l’allattamento. Cattura in “C” e “V”.
Foto: boba.com

Impugnatura a forma di C

• Creare a mano la forma della lettera “C”.
• Metti la mano intorno al seno in modo che il pollice sia sopra il seno e le dita in basso.
• Assicurati che le tue dita siano dietro l’areola.
• Stringere delicatamente le dita, premendo sul seno come un panino.

Impugnatura a forma di V

• Posizionare il capezzolo tra l’indice e il medio.
• Il pollice e l’indice dovrebbero essere sopra il seno e le dita lasciate sotto il seno.
• Premere leggermente sul petto per aiutare a premere il capezzolo e l’areola.

Se vuoi saperne di più su come addestrare il tuo seno per l’allattamento al seno e cosa significa un corretto attaccamento del seno, hai bisogno di informazioni complete da esperti del settore. Il pacchetto “All’inizio della strada”Contiene tutto ciò che devi sapere sull’allattamento al seno e sulla cura del tuo bambino. I volumi sono firmati da due esperti pediatrici: il dottor Jack Newman con “Guida all’allattamento al seno” e il dottor William Sears con “Libro del bambino”.

Come formare capezzoli atipici per l’allattamento al seno

Innanzitutto, è necessario determinare se i capezzoli hanno una forma atipica, in altre parole non reagiscono agli stimoli per diventare sporgenti. Ecco un test rapido per determinare se i tuoi capezzoli sono piatti o ombelicali:

“Afferrare i bordi dell’areola mammaria tra il pollice e l’indice. Premi leggermente ma con fermezza verso la parte posteriore del capezzolo. Se il capezzolo esce, è fantastico. Se non sporge, è considerato piatto. Se si allontana o scompare, è veramente ombelicale. I capezzoli che sono veramente piatti o invertiti non rispondono alla stimolazione o al freddo. Se fai il test e i capezzoli escono, non sono realmente invertiti e probabilmente non causeranno problemi quando allatti il ​​tuo bambino”.

www.alapteaza.com

Se hai stabilito di avere capezzoli ombelicali o piatti, esistono diverse tecniche di formazione dei capezzoli per allattare con successo.

Formazione del capezzolo per l’allattamento al seno – stimolazione

Afferrare il capezzolo e ruotarlo tra pollice e indice per un minuto. Toccalo subito con un panno umido e freddo. Dopo queste azioni il capezzolo diventerà eretto. Fare attenzione a non tenere troppo a lungo il panno freddo sui capezzoli per non inibire l’espulsione del latte.

Rimozione del capezzolo con la pompa o la siringa

Uno dei metodi spesso utilizzati dalle madri è utilizzare il tiralatte per alcuni minuti prima di attaccare il bambino. La pressione che si forma nella tazza della pompa porta sia all’estrazione del latte che alla formazione del capezzolo. Tuttavia, l’estrazione fa perdere parte del latte che il bambino avrebbe altrimenti consumato. Ecco perché Jack Newman nella “Guida all’allattamento al seno” lo consiglia tecnica della siringa.

Metodo della siringa invertita. Foto: wikihow.com

Taglia l’estremità dove è attaccato l’ago in modo da ottenere un tubo aperto a entrambe le estremità. Rimuovere lo stantuffo e inserirlo nell’estremità appena formata e l’estremità in cui viene solitamente inserito lo stantuffo è fissata nell’area in cui dobbiamo formare il capezzolo. Tiriamo lo stantuffo e la pressione nella siringa aiuta a far uscire il capezzolo.

Tecnica Hoffman

È una tecnica creata appositamente per aiutare le donne ad allattare con capezzoli piatti o introflessi. Ecco cosa fare per formare il capezzolo:
• Posizionare l’indice e il pollice su entrambi i lati del capezzolo.
• Premere con decisione le dita sul tessuto mammario e allungare delicatamente l’areola in ogni direzione.
• Ripeti cinque volte ogni mattina, se puoi, senza dolore.
• È inoltre possibile eseguire l’esercizio con entrambe le mani, utilizzando entrambe le dita.

La tecnica Hoffman viene utilizzata per facilitare l’allattamento al seno con capezzoli piatti o ombelicali Foto: healthline.com

Qualunque sia il metodo che usi, o anche tutti, la cosa più importante a cui prestare attenzione è che il tuo bambino inumidisca abbastanza pannolini. In questo modo saprai che si attacca bene al seno e quindi mangia a sufficienza.

Il miglior pacchetto di libri per genitori principianti

Se vuoi saperne di più su come addestrare il tuo seno per l’allattamento al seno e cosa significa un corretto attaccamento del seno, hai bisogno di informazioni complete da esperti del settore. Il pacchetto “All’inizio della strada” contiene tutto ciò che devi sapere sull’allattamento al seno e sulla cura del tuo bambino. I volumi sono firmati da due esperti in pediatria: il Dott. Jack Newman con la “Guida all’allattamento al seno” e il Dott. William Sears con il “Libro del bambino”.

Gennaio, 2022

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments