giovedì, Gennaio 20, 2022
HomeAlimentazioneCosa sta cercando di dirti il ​​tuo corpo

Cosa sta cercando di dirti il ​​tuo corpo

Il corpo umano può essere facilmente paragonato a una macchina complessa e, come ogni computer intelligente, ha il suo modo di segnalare eventuali errori.

“Lascia perdere” è quello che ci diciamo sempre, quando affrontiamo un mal di testa, un fastidio addominale, un prurito al braccio o chissà quale altro sintomo. Naturalmente, se il problema persiste, il Dr. Google è stato ed è (soprattutto durante il periodo turbolento dell’ultimo anno) la prima cosa a cui rivolgersi per trovare una cura. E il sintomo che descrivi rivelerà quasi sempre molteplici possibilità, dal nulla all’estremamente grave.

Alcune manifestazioni possono essere almeno… fonti e connessioni misteriose e insospettate, come vedrai, sorprendenti. Ma gli articoli sulla salute sono fatti per essere letti e spesso sono utili se li usi razionalmente. Questi sono i motivi più comuni per i sintomi comuni che molti di noi sperimentano.

“Non provare rimedi estremi, non assumere farmaci a orecchio e se passano diversi giorni senza che la situazione migliori, chiama il tuo medico di famiglia”.

Vedi nella nebbia?

Se succede all’improvviso, o hai abusato degli schermi e gli occhi sono stanchi e secchi, oppure stai affrontando un’infezione agli occhi, ma quest’ultima può anche essere causata da un’infezione in un’altra zona del corpo; herpes, sifilide, tubercolosi e toxoplasmosi sono spesso accompagnati da questo sintomo.

#1

SINTOMI: Eczema, gonfiore, flatulenza, affaticamento, seni ostruiti, difficoltà di concentrazione

MOTIVO: Intolleranza alimentare

Osserva attentamente per vedere se i sintomi di cui sopra non si verificano dopo aver mangiato un determinato cibo; quando il corpo non tollera un alimento, lo segnala tramite un’irritazione o un’infiammazione a breve termine nell’intestino. Alla lunga, se si continua a consumarlo, l’irritazione può peggiorare, creando crepe negli spazi tra le cellule, attraverso le quali batteri, tossine e detriti completamente non digeriti possono raggiungere il sangue (permeabilità intestinale). In superficie, questo processo si manifesta con eruzioni cutanee ed eczema.

RIMEDIO: Spesso, l’intolleranza a un certo (gruppo di) cibo (i) si manifesta ad un altro livello, attraverso disturbi addominali / mal di stomaco, gonfiore, gas, ecc. Secondo le statistiche globali, i tipi più comuni di intolleranza sono: l’intolleranza al lattosio, al solfito e al glutine, e gli alimenti più sensibili per questo motivo sono grano, latticini, zucchero, soia, uova, mais e lievito. Spezzare la catena per almeno una settimana eliminando i carboidrati semplici (pane, pasta e altri prodotti farinacei), zucchero e suoi derivati, latticini, caffè e alcol, in modo che nelle settimane successive si possano reintrodurre gradualmente, uno ad uno, ogni settimana, osservando le reazioni immediatamente. Allo stesso tempo, un complesso test per rilevare le intolleranze può chiarire sul posto, indicando esattamente quale cibo andrà a finire nella tua lista nera.

Frozen Dress#2

SINTOMI: Mal di testa, desiderio inspiegabile di cibi dolci o salati, incapacità di concentrazione, irritabilità

MOTIVO: Consumo di bevande dietetiche

I dolcificanti artificiali, in particolare l’aspartame, possono causare mal di testa/emicrania, annebbiamento del cervello o affaticamento eccessivo. Gli studi hanno dimostrato che l’aspartame è una potente neurotossina, che secondo gli esperti potrebbe causare danni ai nervi, o almeno interrompere la segnalazione nervosa che consente al cervello di sentirsi pieno. Inoltre, dicono gli esperti, il metanolo nell’aspartame viene scomposto in formaldeide, un composto cancerogeno. Se avverti mal di testa subito dopo aver preso l’aspartame, è molto probabile che tu sia sensibile alla formaldeide.

RIMEDIO: So com’è, o non hai niente da mangiare in città con gli amici. Oppure senti il ​​bisogno di premiarti durante una dieta. Quando senti questa voglia, puoi optare per un’acqua minerale gassata aromatizzata con una goccia di succo di frutta al 100% e succo di lime (qualsiasi barista può preparare una miscela del genere). E se vuoi che sia dolce, ci sono alcuni dolcificanti affidabili, come lo xilitolo o l’eritritolo.

#3

SINTOMI: stanchezza, nervosismo, agitazione, insonnia, aritmie, minzione frequente

MOTIVO: stai mangiando troppo

A volte è possibile ottenere risultati completamente opposti a quelli attesi: beviamo caffè per “ravvivarci”, ma l’effetto è esattamente l’opposto. La caffeina ha il ruolo di stimolare il sistema nervoso centrale, provocando il rilascio di cortisolo e adrenalina, sostanze che danno all’organismo più energia. A breve termine, ciò può comportare una maggiore capacità di concentrazione, ma a lungo termine questo processo può portare all’interruzione delle funzioni del sistema nervoso centrale.

RIMEDI: Sonno. Riposo. Rilassamento… la caffeina non può compensare nessuno di questi effetti. Per quanto riguarda il consumo di caffè, dovrebbe essere limitato a un massimo di 250 mg di caffeina al giorno (una tazza di caffè macinato è di circa 40-50 mg), ma ricorda che è presente in molti altri alimenti che consumi frequentemente. , come cioccolato, cola o tè. Inoltre, consigliano gli esperti, è utile integrare le vitamine B e C, che supportano il corretto funzionamento delle ghiandole surrenali (quelle che secernono cortisolo e adrenalina).

#4

SINTOMI: Labbra screpolate, mal di testa, vertigini, minzione scarsa, urina giallo scuro o maleodorante, pelle secca, se pizzichi la pelle sul dorso delle mani, non torna alla normalità in un secondo.

MOTIVO: Disidratazione

In linea di principio, le labbra screpolate sono già un segno che c’è un problema (a meno che non siano state esposte in modo massiccio al gelo o al vento forte, al sole forte o siano state a lungo in una stanza dove l’aria è estremamente secca). In linea di principio, il deficit idrico si riflette anche nell’aspetto e nella consistenza della pelle, ma le labbra sono le più esposte, a causa della specificità della pelle in quella zona. In caso di sintomi urinari, se non si risolvono dopo l’idratazione, potrebbero esserci altri problemi nel mezzo (infezione delle vie urinarie), nel qual caso è necessario un consulto medico.

RIMEDIO: No, non ti dirò di bere due litri di acqua al giorno – sembra che ogni persona abbia un bisogno personalizzato di acqua, ma tieni solo una caraffa di tè aromatizzato, per includere nella tua dieta più frutta e verdura, ma anche grassi salutari, derivati ​​da semi oleosi, pesce e avocado, che mantengono il livello di idratazione della pelle.

#5

SINTOMI: Prurito alle orecchie o alla gola, disagio intimo, sbalzi d’umore, affaticamento, sistema immunitario debole, aumento di peso, comuni infezioni fungine

MOTIVO: Consumo eccessivo di zucchero, Candida albicans

Molti degli alimenti che mangiamo quotidianamente contengono zucchero o suoi derivati, e non necessariamente prodotti dolci; salsicce, conserve, salse contengono quantità significative di zucchero, che si aggiungono agli zuccheri dei dolcificanti del caffè, dei cereali per la colazione e/o della frutta, dei biscotti che si sgranocchiano in ufficio, dei succhi che si bevono a pranzo, della merenda e infine un “piccolo” dolce per cena.

Oltre ai noti rischi associati al consumo di zucchero, sappiate che favorisce anche lo sviluppo della candidosi, una condizione causata dalla Candida Albicans (vive nell’intestino e si manifesta quando ci sono squilibri nella flora). E anche se il termine ti è familiare in associazione con la zona intima, scopri che questa infezione può manifestarsi anche a livello gastrointestinale e orale.

Leggi anche: Cosa c’è che non va con le tue ginocchia?

RIMEDIO: Se ti trovi in ​​una parte qualsiasi della descrizione di cui sopra, è ovvio che devi gestire il consumo di zucchero in modo più efficiente, sia che si parli di zucchero raffinato o non raffinato. Gli zuccheri sono importanti come fonte diretta di energia per cervello e muscoli, ma non in quantità eccessive; L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda che l’assunzione giornaliera di zuccheri non superi il 10% del fabbisogno giornaliero di nutrienti (ad un apporto calorico giornaliero di 2000 Kcal, significa non più di 200 calorie da zucchero, che possono provenire da 12 cucchiaini di zucchero, un succo – comprese le arance fresche o 16 cucchiaini di ketchup).

Limitati al consumo moderato di frutta, invece di dolci ricchi di zucchero, e leggi attentamente le etichette dei prodotti che metti nel carrello; lo zucchero si nasconde anche dietro nomi come glucosio, lattosio, fruttosio, maltosio, galattosio, ecc.

# 6

SINTOMI: Costipazione, sensazione di fame con lo stomaco “vuoto”, perdita di energia, problemi digestivi, condizioni infiammatorie, brufoli

MOTIVO: Basso apporto di fibre

L’intestino è essenziale nell’elaborazione dei nutrienti e quando c’è un blocco nel “traffico” – stitichezza, non solo vengono assorbiti nel corpo, ma anche le tossine nell’intestino, che possono causare una varietà di problemi di salute, da malattie infiammatorie processi, disturbi digestivi, squilibri ormonali e immunitari e persino disturbi cardiaci e cerebrali.

RIMEDIO: La fibra si trova nei cereali integrali, ma anche in molte verdure e frutta. Hai bisogno di un apporto giornaliero di 25-30 grammi di fibre per le donne e 38-40 per gli uomini, che puoi ottenere mangiando farina d’avena a colazione, un cucchiaio di tahini (o semi di sesamo) nella salsa di bistecca – con un contorno di verde fagioli, ricca fonte di fibre, semi di chia in insalata o una manciata di mandorle.

# 7

SINTOMI: crepe agli angoli della bocca (cheilite), afte, mancanza di energia/affaticamento, problemi della pelle, occhiaie

MOTIVO: Carenza di vitamina B

È stato osservato che bassi livelli di vitamina B nel corpo tendono ad essere associati a un aumento del consumo di cibi raffinati e lavorati, zucchero o alcol. Va anche notato che esistono diversi tipi di vitamine del gruppo B (B1-2-3, B5-6-7, B12), ognuna delle quali ha un ruolo speciale nell’organismo e carenze specifiche hanno effetti diversi. Un motivo in più per non perdere gli esami del sangue annuali.

RIMEDIO: Includi nella tua dieta quotidiana cibi ricchi di vitamine del gruppo B, come cereali integrali, germe di grano, legumi, patate dolci, uova (tuorlo), salmone, carne rossa, fegato e pollame, ma anche lievito (ma attenzione, il suo consumo è sconsigliato se hai la candida). E l’assunzione di integratori alimentari a base di B è utile, purché preceduta dal consiglio di uno specialista; assunte dopo l’orecchio, alcune vitamine del gruppo B possono causare la perdita di nutrienti nel corpo.

Foto: iStock

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments