in ,

▷ Integratori per Studiare – Migliora la Concentrazione!【Blog】

I supplementi allo studio cercano di migliorare la concentrazione, la vigilanza e ridurre l’affaticamento mentale, tra le altre capacità cognitive

Supplementi per studenti

Per chi deve studiare, sia perché è in arrivo un esame o perché stiamo gareggiando, a volte il tempo ci viene buttato addosso e non per mancanza. Ma a volte a causa dell’economia e dell’efficienza delle capacità cognitive.

Sarebbe fantastico poter studiare, visualizzare, elaborare e recuperare le informazioni più velocemente, giusto?

Potresti non saperlo, ma sono disponibili prodotti farmacologici estremamente potenti che vengono utilizzati per trattare malattie neurodegenerative e/o disturbi neurobiologici come l’ADHD, condizioni come Asperger, ecc…

Tuttavia, non ne parleremo poiché richiedono una prescrizione medica da un neurologo o uno specialista.


Ma se ti dicessi che …

  • Esistono supplementi destinati a questo scopo, la neuromodulazione
  • Sebbene di entità minore, l’effetto è significativo, vendita aperta e senza gli effetti indesiderati di sostanze psicostimolanti come quelle menzionate nel paragrafo precedente
  • Vuoi aumentare le tue prestazioni cognitive?

Capacità Cognitive

Continua a leggere per scoprire quali supplementi per lo possono aiutarti per lo studio

Supplementi per migliorare la funzione cerebrale

Esistono un’infinità di prodotti che possono migliorare le prestazioni cognitive in modi secondari come i prodotti ricchi di PUFA omega-3 per la riduzione dell’infiammazione, le vitamine del gruppo B, o la vitamina C per la sua azione antiossidante o adattogeni per azione ansiolitica.

In questo caso, parleremo di sostanze nootropiche, che puoi trovare su Internet denominate “cognitive enhancers drugs”, sono sostanze che con diversi meccanismi aumentano la capacità di elaborare le informazioni, applicare conoscenza e scelta preferenze.

Ovvero, sono appunto: supplementi per lo studio

Queste sostanze possono agire in vari modi, inclusa l’azione su recettori, enzimi, canali ionici, fattori di crescita nervosa, trasportatori, chelanti dei metalli…

Supplementi per studenti

In generale aumentare la funzionalità cerebrale alterando generalmente i neurotrasmettitori cerebrali

In questo caso ci concentreremo su una serie di sostanze di diversi gruppi che potrebbero formare una combinazione di base volta a migliorare le prestazioni cognitive

Caffeina

La caffeina è forse la sostanza più efficace per migliorare la funzionalità cognitiva grazie al suo effetto psicostimolante

La caffeina ha la capacità di agonizzare in modo non selettivo i recettori dell’adenosina (A1, A2A, A3 e A2B), prevenendone l’accoppiamento ed evitando in questo modo gli effetti della sedazione centrale che generalmente induce questo neurotrasmettitore

Adenosina e Caffeina

In questo modo la caffeina svolge una spiccata azione stimolante a livello centrale, aumentando sensibilmente lo stato di veglia

Potremmo intendere l’azione della caffeina come un tappo che impedisce all’acqua (adenosina) di attraversare il foro (recettore) della bottiglia (cervello) e in questo modo “contaminata” (rilassamento e depressione neurologico)

Miglioramento del flusso sanguigno cerebrale

400 mg di caffeina hanno dimostrato, attraverso studi ecografici Doppler transcraneale, come il flusso sanguigno aumenti attraverso le arterie cerebrali anteriori e medie, favorendo la circolazione sanguigna, qualcosa che è può tradursi in un acuto aumento dell’efficienza funzionale delle relazioni neuronali della corteccia cerebrale (estratto da Glade, 2010).

Efficacia

La sua efficacia sarà condizionata dall’espressione del polimorfismo CYP1A2 che condiziona il metabolismo della xantina e ne influenza gli effetti ergogenici. Essendo efficace nel genotipo AA e in misura minore o nulla, può avere effetti indesiderati sulle espressioni AC/CC. (Guest et al.2018)

Nelle persone che rispondono al consumo di caffeina, un dosaggio di 100 mg sarebbe sufficiente per migliorare la capacità cognitiva, richiedendo concentrazioni più elevate in caso di tolleranza

Caffeina per studiare

La caffeina è uno dei migliori supplementi per lo studio, poiché aumenta:

  • Attenzione;
  • Stato di allerta;
  • Concentrazione;
  • Chiarezza mentale.

E da dosi così basse come da 32-50 mg. (Glade, 2010), nonostante il fatto che la dose più efficace sia maggiore.

Questo effetto è particolarmente utile nei momenti di ”brain fog” dopo lunghi periodi di sforzo mentale, parziale restrizione del sonno o attività cognitivamente impegnative

La sua efficacia su umore e velocità di reazione è condizionata dal grado di tolleranza sviluppato a seguito del suo consumo cronico. Nel frattempo, altri effetti come il miglioramento dell’attenzione selettiva e della memoria non lo fanno.

Efficacia della caffeina

Ecco perché, a seconda delle caratteristiche dell’attività da svolgere, limitarne il consumo in un periodo precedente può essere o meno una strategia utile

La caffeina dovrebbe essere la sostanza di base di qualsiasi pila per il miglioramento delle capacità cognitive

L-Teanina

La caffeina è il composto di “base”. Tuttavia, è facile sperimentare effetti collaterali al suo utilizzo, principalmente causati da un’eccessiva attivazione del sistema nervoso

Esiste una sostanza nota come L-teanina, un amminoacido che possiamo trovare nel tè. Questo ha proprietà rilassanti grazie alla spinta nella produzione di GABA. Potremmo dire che la L-teanina è un amminoacido precursore del neurotrasmettitore inibitorio del sistema nervoso centrale.

Ma questo può aiutarci o danneggiarci?

Ebbene, la verità è che, mentre il suo uso isolato presenta risultati contraddittori sul potenziamento della capacità cognitiva, il suo uso in combinazione con la caffeina sembra esercitare un’azione sinergica migliorando marcatori come la vigilanza.

Questo è tratto dai fattori “Bond-Ladder”, che tengono conto della vigilanza, dell’umore e del relax con diversi valori ponderati

Pertanto, un risultato netto positivo è superiore al consumo di caffeina in isolamento, rispetto ai valori esposti nello studio. Il suo effetto prioritario è quello di prevenire la degenerazione della vigilanza piuttosto che aumentarla di per sé.

Come si ottiene con la congiunzione caffeina + L-teanina

Caffeina e teanina

Allo stesso modo, lo stack caffeina + teanina ha mostrato una riduzione leggermente maggiore della caffeina nell’affaticamento sperimentato e nell’affaticamento mentale

Confronto

Il composto di caffeina + teanina ha diminuito la prevalenza di mal di testa entro 90 minuti dal consumo (simile all’effetto della caffeina da sola)

Risultati

Memoria e Ritardi nell’Affaticamento Mentale

Allo stesso modo, è curioso vedere come l’uso di caffeina + teanina abbia aumentato significativamente (rispetto all’uso della sola caffeina) la velocità del riconoscimento ritardato delle parole

Una manifestazione memoriale di lessico, mentre altre manifestazioni come il riconoscimento grafico o numerico non hanno mostrato miglioramenti significativi rispetto all’uso isolato di caffeina, sebbene lo abbiano fatto rispetto al placebo.

Potremmo concludere che, in assenza di ulteriore letteratura con studi rigorosi disponibili, la L-teanina è un composto sinergico con la caffeina e che il suo uso combinato può migliorare alcuni marcatori della prestazione cognitiva e attenuare la perdita durante l’orario di lavoro

Quali dosi di Caffeina e Teanina?

In questo caso, le dosi utilizzate per ottenere i precedenti risultati di Haskell et al (2008) sono, forse, quantità eccessive per un utente medio, avendo utilizzato il gruppo della caffeina da 150 mg, il gruppo della teanina da 250 mg. e il gruppo combinato la stessa quantità di entrambi (150 mg.+250 mg.)

Esistono studi come quello di Owen et al (2008), dove con dosi di 50 mg di caffeina + 100 mg di L-teanina sono riusciti a migliorare la velocità e la precisione nello sviluppo di un compito di cambiamento dell’attenzione dopo 60′ della sua ingestione e riducendo la suscettibilità di essere distratto durante l’attività sia 60 che 90 minuti dopo la sua ingestione.

Conclusioni

Gli autori concludono che:

“In particolare, la L-teanina e la caffeina in combinazione sembrano migliorare in modo significativo gli aspetti della memoria e dell’attenzione in misura maggiore rispetto alla sola caffeina” (Owen et al. 2008).

Consumo Continuo per i Risultati

Dopo aver chiarito la combinazione di base di “caffeina + teanina” che possono essere i pilastri di uno stack mirato a migliorare le capacità cognitive, il resto dei composti mancano di effetti acuti di entità simile a quelli precedenti.

Possono essere utilizzati altri alcaloidi, cugini della caffeina, come la teobromina presente nel cacao, la teofillina nel tè o la nicotina. Che agiscono in sinergia tra loro in modo simile.

Tuttavia, il fatto che non presentino effetti acuti non significa che non siano utili. Al contrario, sono composti molto efficaci ma richiedono un consumo a lungo termine per poterne notare gli effetti.

Questo perché le sostanze che nominerò si basano sulla stimolazione della biogenesi e sulla riparazione nervosa dello strato cerebrale

Supplementi Cognitivi

E questo è un processo lento e sostenuto che finisce per aumentare le capacità cognitive a lungo termine

Allo stesso modo, alcune sostanze si basano sul principio di agire aumentando la concentrazione di neurotrasmettitori utili per attività di memoria e capacità cognitive, stimolando il loro rilascio o evitando la loro degradazione enzimatica

Colina

A questo proposito, la colina è il re delle sostanze per aumentare le concentrazioni di acetilcolina nel cervello. Questo è un neurotrasmettitore coinvolto nella sinapsi e può avere attività eccitatoria o inibitoria a seconda del recettore utilizzato

L’acetilcolina è in una certa misura il neurotrasmettitore più coinvolto nell’apprendimento e attenzione

Effetti dell’Acetilcolina

Gli effetti dell’acetilcolina possono aumentare i diversi tipi di codifica di nuovi episodi di memoria in diverse strutture corticali.

Il ruolo dell’acetilcolina nell’attenzione è stato ripetutamente dimostrato in una moltitudine di compiti. L’acetilcolina è correlata alla precisione della risposta, volontà e attenzione riflessiva, nonché velocità di risposta. (NCBI, 2018)

Aumenta le concentrazioni di Acetilcolina

Per aumentare le concentrazioni di acetilcolina nel cervello è possibile agire in diversi modi. Il più comune è l’aumento delle concentrazioni del neurotrasmettitore aumentando le concentrazioni di colina mediante somministrazione esogena di esso.

Tuttavia, la colina nella sua forma base mostra una minore efficacia nell’aumentare i valori sierici di colina rispetto ad altre forme come l’Alfa-GPC.

Questo grazie al suo peso molecolare si traduce in un aumento più significativo rispetto ad altre forme di colina

Grafico colina

In questo modo, potremmo classificare l’alfa-GPC come un supplemento di colina più efficiente al fine di aumentarne le concentrazioni e quindi la sua disponibilità all’incrocio della barriera ematoencefalica

Alfa GPC

C’è poca bibliografia in materia. Tuttavia, esiste un test su modelli di roditori che, avendo ricevuto una dose di 0,75 mg/kg di Scopolamina (una sostanza antagonista dei recettori dell’acetilcolina che provoca la degradazione della stessa nel tessuto cerebrale), la somministrazione di Alpha-GPC non ha aumento delle concentrazioni di acetilcolina nel cervello.

Grafico Alpha-GPC

Tuttavia, sebbene l’uso di Alpha-GPC non sembri aumentare i livelli di acetilcolina di per sé. Nella sperimentazione è stato riscontrato che la somministrazione della sostanza stimolava la produzione endogena di acetilcolina, la cui produzione era 2,5 volte maggiore rispetto al gruppo di controllo

Confronto Alpha-GPC

Il consumo a lungo termine della sostanza in combinazione con l’ultimo composto di base di cui parleremo, l’acetil-L-carnitina o ALCAR, sarebbe particolarmente raccomandato.

ALCAR (Acetil L-Carnitina)

La sostanza di base, la L-carnitina, non ha alcun effetto sulla produzione di acetilcolina. Come il suo isomero D, è altamente inefficace a causa della sua limitazione nell’attraversare la barriera emato-encefalica

Tuttavia, la molecola di carnitina con l’isomero L, nidificato in un gruppo acetile attraversa la barriera emato-encefalica con relativa facilità

Proprietà

Presenta una struttura molecolare simile all’acetilcolina, che migliora la trasmissione colinergica donando il gruppo acetile alle molecole di colina presenti.

Può aumentare la produzione di acetilcolina, sia nello striato che nell’ippocampo. Attraverso un’esocitosi sensibile a un meccanismo dipendente dal Ca2 +.

Un aspetto che è fortemente correlato all’integrità del flusso di impulsi dei neuroni colinergici (Imperato, Ramacci, Angelucci, 1989)

Acetilcolina

Stack consigliato per migliorare le capacità cognitive

In breve, lo ”stack di base” (o supplementi per studiare) per migliorare la capacità cognitiva in termini generali sarebbe:

  • Almeno 50 mg di caffeina + 100 mg. di L-teanina prima del periodo di studio (la cosa “migliora” sarebbe 100 mg. + 250 mg)
  • Durante le settimane precedenti almeno 1000 mg di colina (preferibilmente ALFA-GPC) + 2000 mg di ALCAR al giorno (in base alle prove presentate nel Vermeulen & Scholte, 2004)

Spero che finora la nostra guida ai migliori supplementi per studiare ti sia piaciuta, se hai domande lasciatela nei commenti.

Bibliografia

  1. Gatti, G., Barzaghi, N., Acuto, G., Abbiati, G., Fossati, T., & Perucca, E. (1992). A comparative study of free plasma choline levels following intramuscular administration of L-alpha-glycerylphosphorylcholine and citicoline in normal volunteers. International Journal of Clinical Pharmacology, Therapy, and Toxicology, 30(9), 331–335.
  2. Haskell, C. F., Kennedy, D. O., Milne, A. L., Wesnes, K. A., & Scholey, A. B. (2008). The effects of L-theanine, caffeine and their combination on cognition and mood. Biological Psychology, 77(2), 113–122.
  3. Lopez, C. M., Govoni, S., Battaini, F., Bergamaschi, S., Longoni, A., Giaroni, C., & Trabucchi, M. (1991). Effect of a new cognition enhancer, alpha-glycerylphosphorylcholine, on scopolamine-induced amnesia and brain acetylcholine. Pharmacology, Biochemistry, and Behavior, 39(4), 835–840.
  4. National Center for Biotechnology Information. PubChem Compound Database; CID=187, (accessed Nov. 15, 2018).
  5. Owen, G. N., Parnell, H., De Bruin, E. A., & Rycroft, J. A. (2008). The combined effects of L-theanine and caffeine on cognitive performance and mood. Nutritional Neuroscience, 11(4), 193–198.
  6. Vermeulen, R. C. W., & Scholte, H. R. (2004). Exploratory open label, randomized study of acetyl- and propionylcarnitine in chronic fatigue syndrome. Psychosomatic Medicine, 66(2), 276–282.

Voci Correlate

  • Sai quali sono i Nootropi più importanti? Puoi scoprirlo cliccando qui.
  • I Neurotrasmettitori sono delle sostanze che liberano nel tuo organismo… continua a leggere...
  • Alpha-GPC è capace di migliorare le prestazioni sportive e cognitive prima dell’allenamento. Ulteriori informazioni su questo link.

Ritardo della Stanchezza Mentale – 100%

Evitare Distrazioni – 100%

Content Protection by DMCA.com

Worldfilia
Servizi seo roma

What do you think?

195.6k Points
Upvote Downvote

Written by admin

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Sandwich al Gelato Fitness con Farina di Avena e Olio di Cocco

Benefici per le Funzioni Cerebrali【Blog】