in

Digiuno a intermittenza, serve davvero?

Per digiuno a intermittenza, si intende un regime alimentare in cui si digiuna completamente. Può essere un giorno, o diverse ore. Dipende da cosa si sceglie. Ovviamente dobbiamo tenere presente del nostro stile di vita, dei nostri normali fabbisogni calorici. E soprattutto che non si soffra di patologie pregresse che farebbero fallire i nostri obiettivi. In pratica questa dieta è basata non sul soffrire la fame. Ma sul mangiare meno, ma meglio. Questo aiuterà l’umore e ci supporterà nel bruciare anche più zuccheri e più calorie.

Digiuno a intermittenza, i vari tipi

Esistono vari tipi di digiuno a intermittenza. Il 16/8 per cui si digiuna per 16 ore al giorno. Si pasteggia poi nelle 8 ore successive. Il 5/2 si digiuna due giorni a settimana e nei restanti 5 si mangia normalmente. “Eat stop eat” si digiuna per 24 ore di fila. Il primo è quello più utilizzato. In pratica si può fare l’ultimo pasto nel pomeriggio. Digiunare così la sera e mangiare al mattino successivo. Il secondo invece può portare benefici, ma non è sicuro. Infatti sapendo che dobbiamo digiunare due giorni, si potrebbe tendere a mangiare molto di più nei restanti 5. Per avere riserve caloriche sufficienti a soffrire meno l’appetito. Questo comporterà comunque degli squilibri. E soprattutto non si garantisce il successo. Il digiuno di 24 ore serve soprattutto come purificazione. In effetti potrebbe giovare se abbiamo esagerato col cibo. Molti la praticano soprattutto dopo le festività. Oppure dopo che si partecipa a celebrazioni in cui mangiare tanto è quasi “un obbligo”. Naturalmente per non vanificare gli sforzi, non ci si dovrà ingozzare dopo. Il digiuno intermittente può essere fatto anche da chi pratica sport. Ovviamente si sconsiglia quando si è in fasi particolari della vita. Come gravidanza o allattamento. Oppure se si hanno gravi carenze di vitamine o zuccheri.

Written by Daniela Devecchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dieta, come capire che stai sbagliando

Danza del ventre, fa dimagrire?