in

Dieta, come capire che stai sbagliando

Fare la dieta, per tanti significa patire la fame. Oppure stare diverse ore senza cibo, aspettando di ingurgitare quel poco alla svelta per saziare il nostro appetito. Niente di più sbagliato. Fare una dieta significa mangiare bene. Soprattutto poco e spesso. Solo così non sentiremo i “morsi della fame” e dimagriremo in maniera corretta ed equilibrata. Niente diete fai da te. O salti dei pasti sperando che ci aiuti a dimagrire. E’ sbagliatissimo invece. Infatti saltare un pasto principale, colazione, pranzo o cena, porta ad avere più appetito dopo. Esempio: se decidiamo di saltare il pranzo, com’è ovvio, arriveremo a cena affamatissimi. Questo ci porterà, anche inconsapevolmente, a mangiare molto di più del dovuto. Soprattutto ad assumere molti più carboidrati. Non verranno smaltiti col sonno quindi inevitabilmente si ingrassa. L’ideale sarebbe mangiare 5 volte al dì. 3 Pasti principali e 2 spuntini. Che possono essere yogurt magro, frutta fresca o tisane e frutta secca.

Dieta, sintomi per capire che stai sbagliando

Il mal di testa è uno dei segnali tipici per capire che stiamo sbagliando alimentazione. Ci fa capire che siamo senza forze e il nostro corpo necessita di zuccheri. Anche avere la pancia perennemente gonfia è un segnale per capire che stiamo sbagliando. Infatti, quando il corpo è a digiuno per troppe ore, i succhi gastrici, soprattutto in soggetti che già soffrono di patologie gastro intestinali, macinano comunque. Ma a vuoto perchè nello stomaco c’è solo aria. E questo porterà a gonfiori e dolori addominali. Stanchezza, nervosismo, senso di vuoto, sono altri segni per farci capire che qualcosa non va in noi. Ci stiamo alimentando poco e male. Il corpo comincia a dare segni di cedimento. Anche l’irritabilità, in questo, può rappresentare un segnale di avvertimento. Hai la pelle secca? Probabilmente non la stai idratando abbastanza. Bevi troppa poca acqua. Oppure mangi poca frutta o verdura. Cose sbagliatissime per un regime alimentare dietetico. Dimagrire sì. Ma nel modo giusto, facendo sì che i chili persi non tornino come prima o anche più di prima.

Written by Daniela Devecchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arrampicata sportiva: effetti benefici sulla forma fisica e psiche

Digiuno a intermittenza, serve davvero?